Frankenstein

Frankenstein, o il moderno Prometeo (Frankenstein; or, the modern Prometheus) è un romanzo di Mary Shelley, scritto fra il 1816 e il 1817 e pubblicato nel 1818, poi modificato dall’autrice per una seconda edizione del 1831. Paura dello sviluppo tecnologico, mito letterario, esempio di sublime kantiano in quanto terrore allo stato puro, fonte inesauribile per i registi cinematografici, tema di discussione bioetica. Tutto inizia nel maggio 1816 quando la sorellastra di Mary Shelley, Claire Clairmont, amante di Lord Byron, invita i coniugi Shelley a Ginevra. Clima infame, letture gotiche sul modello del tempo, gara letteraria indetta dal poeta e il gioco è fatto. La ventenne Mary partorisce la Creatura che poi crescerà in Inghilterra su suggerimento maritale… terrore, mito faustiano, metamorfosi ovidiane, preoccupazione per la nascente anonima Creatura proletaria, romanzo epistolare alla Richardson e De Laclos. Comunque successo letterario, come Dracula di Stocker, e incredulità sull’autrice (donna ventenne… impossibile ma vero… del resto con tali genitori e marito anche lei doveva pur essere all’altezza e, come spesso accade, superare tutti). Femministe contente (e anche noi) nel bicentenario. Incubi e suspense assicurati, rapporto padre-figlio drammatico (perché mi hai creato? Ora voglio una compagna e via discorrendo). Milton e Cervantes, Rousseau e Burke, Creatura-Mostro-Rivoluzione francese, mito per eccellenza del Moderno. Luoghi affascinanti, dal Polo Nord alla Svizzera e all’Irlanda, processi giudiziari ed esperimenti medici, galvanismo e satanismo, solitudine e orrore del vuoto, donne uccise sul nascere o prima del matrimonio e vendette incrociate… cocktail suggestivo e ubriacante. E ancora Condillac e Galvani, tema ricorrente della luce e introspezione sul doppio… insomma una miniera inesauribile e infatti i registi lo hanno saccheggiato. Ne riportiamo una succinta silloge:

* Frankenstein – cortometraggio muto del 1910 di J. Searle Dawley
* Frankenstein – film del 1931 diretto da James Whal
* La maschera di Frankenstein – film del 1957 diretto da Terence Fisher
* La maledizione dei Frankenstein – film del 1967 diretto da Terence Fisher
* Distruggete Frankenstein! – film del 1969 diretto da Terence Fisher
* Frankenstein 80 – di Mario Mancini, 1973
* Frankenstein e il mostro dell’inferno – film del 1974 diretto da Terence Fisher
* Frankenstein Junior – film di Mel Brooks del 1974
* Il mostro è in tavola… barone Frankenstein – di Antonio Margheriti e Paul Morrissey, 1974
* La sposa promessa (The Bride) di Franc Roddam (1985)
* Frankenstein di Mary Shelley – film del 1994 diretto da Kenneth Branagh
* Van Helsing (film) – film del 2004 diretto da Stephen Sommer
* I, Frankenstein – di Stuart Beattie del 2014
* Victor – La storia segreta del dott. Frankenstein (Victor Frankenstein), regia di Paul McGuigan (2015)
* Frankenstein, regia di Bernard Rose (2015)

Ovviamente su tutti i film di Branagh e Brooks per motivi differenti… buona ricostruzione il primo, assai ironico e divertente il secondo.

J.V.