Rosa.

Rosa.

“Cogli la rosa quando è il momento,ché il tempo lo sai che vola…e lo stesso fiore che oggi sbocciadomani appassirà.”(Walt Whitman)

Sono sempre stato affascinato dalla rosa, dalle rose. È il fiore che accompagna la mia esistenza. Ogni rosa possiede un preciso significato. Rosa Rossa amore passionale, Bianca amore puro, Rosa tenerezza e amicizia, Gialla gelosia, Blu mistero e saggezza, Nera amore negato e Morte.Purtroppo, come la nostra vita, le rose sfioriscono presto. Lo scrive bene Pierre De Ronsard “Ahimè, vedete come, in sì breve spazio, dolcezza, ella ha al suolo lasciato cadere le sue bellezze! O natura veramente matrigna, poiché un tal fiore non dura che dal mattino fino alla sera.” E ancora Emily Dickinson “Nessuno conosce questa piccola Rosa, potrebbe essere un pellegrino se non l’avessi presa dai viottoli e raccolta per te. Solo un’ape sentirà la sua mancanza, solo una farfalla, affrettandosi da lontano per riposare nel suo seno, solo un uccello si meraviglierà, solo una brezza emetterà sospiro, Ah Piccola Rosa, come è facile per chi è come te, morire.”Rosa è prosa con una erre in meno, poesia. Assai arduo definirla nella sua essenza perché puro momento fenomenico e semplice immagine dell’Essere di cui porta il profumo senza necessità di parola riunendo immediatamente nell’olfatto il Dire e il Vedere. Chi non ama Rosa è un soggetto da cui guardarsi attentamente, un pessimo elemento. Persino un sanguinario rivoluzionario, se intelligente e sensibile, non combatte soltanto per il pane. Vuole anche le rose. Per me Rosa non ha spine. La spina è vista e toccata da chi non coglie l’Essenza. Ed in ogni caso cosa sarà mai un po’ di sangue?

“Che cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.”(William Shakespeare)

Nella mia campana di vetro metterò una Rosa Blu e la guarderò interrogante. So già ciò che continuamente risponderà… “Punctum temporis omnis vita”.

J.V.