Ricordi di gioventù… 46

Ricordi di gioventù… 46

Giuni Russo, pseudonimo di Giuseppa Romeo (Palermo, 7 settembre 1951 – Milano, 14 settembre 2004). Artista di ricerca, sperimentale e d’avanguardia, in possesso di un’estensione vocale che copriva quasi cinque ottave, riusciva a imitare alla perfezione il verso dei gabbiani nel brano Un’estate al mare. Figlia d’arte, padre baritono e madre soprano. Nel 1969 si trasferisce a Milano, che diverrà la sua città di adozione. Incontra la musicista Maria Antonietta Sisini, che per ben 36 anni sarà la sua coautrice e produttrice, oltre che compagna di vita.Una lunga e dura gavetta, poi l’incontro con Franco Battiato. Nascono una solida amicizia e un sodalizio artistico. Caterina Caselli, potente manager musicale, apprezza le capacità della cantautrice grazie ai brani che Battiato le cuce addosso facendone risaltare le incredibili capacità vocali. Poi la svolta religiosa. Poi il cancro. Nel marzo 2003, dopo ben trentacinque anni di assenza, partecipa al Festival di Sanremo con Morirò d’amore, scritto molti anni prima con Maria Antonietta Sisini e Vania Magelli. Arrangiamento di Franco Battiato. Si esibisce con il capo avvolto da una bandana, segno del duro trattamento terapeutico. Giuni Russo muore nella sua casa a Milano all’età di 53 anni, nella notte tra il 13 e il 14 settembre 2004. Una donna coraggiosa, talentuosa e capace.

J.V.