La sposa in nero

La sposa in nero (La mariée était en noir) è un film del 1968 diretto da François Truffaut.
Tratto dall’omonimo romanzo di Cornell Woolrich del 1948. François Truffaut inizia così la serie della vendetta femminile alla quale farà riferimento, tra gli altri, anche Quentin Tarantino in Kill Bill vol. 1 e Kill Bill vol. 2. Jeanne Moureau sensuale e vendicatrice nella parte della sposa Julie Kohler, rimasta vedova il giorno delle nozze. Per uccidere i responsabili della morte del marito si trasforma continuamente, seduce e attira in trappola le vittime designate, sino al colpo di scena finale. Tutto inizia per caso, per assurdo e il matrimonio si trasforma in morte, l’amore in odio totale. Julie distrutta non riesce a suicidarsi e allora scatta la vendetta. Stupendo l’accostamento di Julie-Jeanne a Diana dea della caccia.

Omaggio continuo ad Alfred Hitchock. Per metà film non si comprendono le ragioni della vendetta poi si giunge alla spiegazione. Opera di alto livello tecnico e dedicata dall’allievo al Maestro. Da vedere e rivedere… nostalgia di opere intelligenti e brillanti.

J.V.